Società Italiana Metabolismo Diabete Obesità

Diagnosi, classificazione, epidemiologia clinica del diabete mellito

Interessante studio pubblicato sui Quaderni dell’Italian Journal of Medicine a firma del nostro Presidente, Vincenzo Provenzano, sulla diagnosi, classificazione ed epidemiologia clinica del diabete mellito.

 

                 “Diagnosi, classificazione, epidemiologia clinica del diabete mellito”

Il diabete mellito (DM) è una malattia determinata da un difetto della secrezione e/o azione insulinica e caratterizzata, dal punto di vista biochimico, da iperglicemia, che determina un incremento del rischio di complicazioni a lungo termine relativamente specifiche.

Infatti, l’iperglicemia cronica provoca, attraverso un’aumentata concentrazione di glucosio intracellulare, la produzione di radicali liberi dell’ossigeno che, con diversi meccanismi, danneggiano la retina, il rene, i nervi periferici, e molti altri tessuti ed organi.

Poiché la retinopatia diabetica è considerata come la complicanza più specifica del DM, ed essa compare soltanto se la glicemia o altri parametri biochimici correlati con la glicemia sono > di un determinato valore soglia, l’identificazione di tale valore viene convenzionalmente indicato nella definizione diagnostica del DM.3-5.
La diagnosi di DM può essere basata su tre parametri biochimici:5 i) la glicemia a digiuno (fasting plasma glucose, FPG); ii) la glicemia 2 ore (2 hours
plasma glucose, 2-h PG) dopo carico orale con 75 grammi di glucosio (oral glucose tolerance test, OGTT); iii) l’emoglobina A1c.

L’American Diabetes Association (ADA) propone, per la diagnosi di DM, i criteri indicati nella Tabella 1.6

In generale, il contesto clinico in cui la diagnosi viene posta può essere rappresentato da (Figura 1):

i)soggetti sintomatici per DM;

ii) soggetti ad alto rischio di diabete e sottoposti intenzionalmente a screening biochimico per DM;

iii) soggetti a basso rischio di DM, ma che si sottopongono a valutazione della glicemia per ragioni diverse dallo screening per diabete.

 

Continua a leggere…

    Visualizza l’articolo